Chiamaci
Greenbox
Seguici
Articoli del blog

BUON VINO FA BUON SANGUE...MEGLIO IL ROSSO O IL BIANCO?


Non è il resveratrolo ma l’alcol: secondo la ricerca scientifica più recente, l’effetto antiossidante del vino è dovuto all’alcol, efficace anche su pressione e circolazione 
 
Il detto: <> è vero, ma non come si pensava fino a qualche anno fa. Le qualità salutari del vino venivano attribuite ai tannini, alla quercitina e al resveratrolo che si trovano nel vino rosso. Tali sostanze sembravano avere spiccate proprietà antiossidanti e quindi antiaging.
La ricerca scientifica più recente ha invece evidenziato che le proprietà antiossidanti di questi composti sono solo in vitro, in laboratorio. Nel corpo umano, una volta assunte si perdono.
Eppure chi beve moderate quantità di vino ha una salute cardiovascolare migliore rispetto a chi non ne beve. Gli scienziati hanno quindi approfondito la ricerca: se il merito non va al resveratrolo, a chi va? La risposta è incredibile: sembra che il responsabile della salute del cuore sia… l’alcol!
L’alcol non è un nutriente necessario per il nostro organismo, conferisce 7 calorie per grammo (un bicchiere di vino da 150 millilitri ci fornisce circa 100 calorie), viene assorbito immediatamente dallo stomaco e dall’intestino e passa direttamente nel sangue. Da qui arriva al fegato (tranne un 10% eliminato tramite il respiro dai polmoni e attraverso le urine), che è in grado di metabolizzare un bicchiere di vino all’ora. In presenza di maggiori quantitativi, l’alcol rimane nel sangue, che lo porta al cervello. Se assunto a digiuno, raggiunge il cervello in un minuto, con effetto narcotizzante.
Le donne producono meno alcol deidrogenasi (l’enzima presente nello stomaco che scinde l’alcol prima che passi nel sangue), e per questo motivo hanno una minore tolleranza all’alcol.
L’alcol, se assunto in quantità moderate, ha alcuni effetti benefici: è un vasodilatatore, quindi contribuisce ad abbassare la pressione sanguigna e favorisce la circolazione. Inoltre un consumo moderato di alcol produce acido urico, il più potente antiossidante endogeno, che neutralizza i radicali liberi e previene le malattie cardiovascolari. Il contenuto in resveratrolo e quercitina influisce in modo minore sulla salute dei vasi sanguigni perché la sua concentrazione nel vino e negli altri alcolici è troppo bassa.